pdf Bilancio al 31.12.2017

pdfCertiificazione Bilancio 2017

 pdfContributi Ricevuti dalle Pubbliche Amministrazioni Anno 2017

 pdfBilancio 2016

pdf Certificazione Bilancio 2016

pdf Bilancio 2015

pdf Certificazione Bilancio 2015

pdf Bilancio 2014

pdfBilancio 2013

pdf Bilancio 2012

pdf Bilancio 2011

 

09052018 DSC 9533

"Cittadini d'Europa, Cittadini del Mondo", Spazio ZUT! (Foligno). 

UmbriaMiCo - Festival del Mondo in Comune di Tamat, co-finanziato da Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), apre ufficialmente il ciclo di appuntamenti folignati Mercoledì 9 maggio presso Spazio ZUT! con Cittadini d’Europa, Cittadini del Mondo”.

A quarant’anni dalla scomparsa di Aldo Moro, Sandro Cappelletto sceglie la parola Condivisione – tanto cara al giurista democristiano – come filo rosso di tutta la tavola rotonda. Il giornalista e critico musicale veneziano guarda con disappunto ad una realtà globalizzata in cui l’Europa si tradisce nei suoi presupposti mettendo in atto politiche di esclusione anziché di integrazione, e commemora in risposta la nascita della European Union Youth Orchestra (EUYO), ambasciatrice culturale dei valori fondanti e degli ideali dell’Unione, attualmente con sede a Ferrara.

 

OK8 640x427

Andrea Segre.

Ospite d’eccezione è il regista Andrea Segre, che s’intrattiene in un open talk con Lamin Junior Kidiera, immigrato senegalese. Da questo scambio emergono dei punti centrali sul tema delle migrazioni: dalla prospettiva di un migrante, quanto siano pretenziosi i requisiti richiesti per fare ingresso in un Paese comunitario e quanto al tempo stesso sia più agevole invece cadere nelle mani di trafficanti abusivi, mentre, agli occhi di un cittadino, quanto il fenomeno spesso rimanga incompreso e perciò inascoltato.

“Bisogna parlare delle proprie paure è il primo passo per conoscersi a vicenda”, dice Kidiera, per non cadere nella trappola del pregiudizio.

OK4 640x427

Jean-Baptiste Sourou.

Jean-Baptiste Sourou, fondatore e Presidente di “Cèdres” in Benin, si allaccia al dibattito con un intervento appassionato che incoraggia tutti a rimanere consapevoli della cultura del proprio Paese di provenienza e, partendo da rispetto quotidiano delle proprie radici, ad inseguire i propri sogni. L’Ong sin dalla sua nascita s’impegna infatti nella formazione di giovani generazioni per offrire opportunità lavorative all’interno della comunità di appartenenza.

A concludere la giornata, dopo la Cena di Quartiere organizzata da Tamat e da L'Arca del Mediterraneo Onlus, torna di nuovo il tema della Musica con Stefano Baroni al centro di un Drum Circle che ha pienamente trascinato tutti i partecipanti in una delle forme espressive più autentica e sconfinata del desiderio di libertà.

Foto Simone Telari © 2018

Arianna Fulmini, Studente di LT-Comunicazione Internazionale dell'Università per Stranieri di Perugia. Stagista a Tamat

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.